Problemi sessuali femminili

 

 

Secondo il DSM V i disturbi sessuali femminili possono essere i seguenti:

Disturimages (4)bo dell’orgasmo femminile se, durante tutti o quasi tutti i rapporti sessuali (75-100%) si presenta ritardo, scarsa frequenza o assenza dell’orgasmo o se l’intensità delle sensazioni orgasmiche è molto ridotta.

Disturbo del desiderio sessuale e dell’eccitazione sessuale femminile se si presenta una significativa diminuzione o assenza di desiderio/eccitazione sessuale, nella maggior parte dei rapporti, con alcune di queste modalità (almeno tre): assente o ridotto interesse per l’attività sessuale; assenti o ridotti pensieri o fantasie sessuali; mancanza o diminuzione dell’iniziativa nei rapporti sessuali e rifiuto alle iniziative del partner; diminuzione o mancanza di piacere/eccitazione durante l’attività sessuale nella maggior parte dei rapporti; assenza o riduzione del desiderio/eccitazione sessuale in risposta ad eventuali stimoli erotici; riduzione o mancanza di sensazioni genitali o non genitali durante l’attività sessuale.

Disturbo del dolore genito-pelvico e della penetrazione se vi sono difficoltà di penetrazione vaginale durante il rapporto; se si prova dolore vulvo-vaginale o pelvico durante il rapporto o durante tentativi di penetrazione vaginale; se si prova paura o ansia di sentire dolore prima, durante o dopo la penetrazione; se si verifica tensione o contrazione dei muscoli del pavimento pelvico durante il tentativo di penetrazione.

Sia nell’uomo, sia nella donna si può parlare di una Disfunzione sessuale indotta da sostanze/farmaci se si manifesta un disturbo clinicamente significativo del funzionamento sessuale durante o subito dopo l’intossicazione o l’astinenza da una sostanza o dopo l’assunzione prolungata di un farmaco.